All for Joomla All for Webmasters
Connect with us

Australia continua a bruciare

Cronaca

Australia continua a bruciare

Australia continua a bruciare

il fuo­co deva­sta tut­to la ter­ra ci dice” fer­ma­te­vi ”

In Austra­lia il fron­te degli incen­di con­ti­nua ad allar­gar­si e vani sem­bra­no esse­re gli sfor­zi dei vigi­li del fuo­co e di miglia­ia di volon­ta­ri che, con tur­ni este­nuan­ti, cer­ca­no di far fron­te alle fiam­me. Nean­che l’attivazione dell’esercito, com­pre­se tut­te le riser­ve, rie­sce a miti­ga­re gli impat­ti di que­sta catastrofe.Chi sono i col­pe­vo­li degli incen­di? Pri­mi tra tut­ti sono la sic­ci­tà e le tem­pe­ra­tu­re bol­len­ti – cau­sa­te dal glo­bal war­ming – che han­no tra­sfor­ma­to le fore­ste in pre­de facil­men­te divo­ra­bi­li dal­le fiam­me.

Poi c’è la stu­pi­dag­gi­ne uma­na che galop­pa sen­za bri­glia e inne­sca i roghi per caso (siga­ret­te, bar­be­cue, scin­til­le da ope­ra­zio­ni di vario tipo) o per cri­mi­ne. Poi ci sono gli incen­di natu­ra­li cau­sa­ti da ful­mi­ni anche se oggi riu­sci­re­mo a fer­ma­re le fiam­me in Austra­lia ? Con­ti­nua a bru­cia­re la bel­lis­si­ma Kan­ga­roo island dove pur­trop­po vive un’importante popo­la­zio­ne di koa­la. Le fiam­me avreb­be­ro già ucci­so il 50% dei koa­la che vive­va­no sull’isola.

Ma le vit­ti­me dei cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci e del riscal­da­men­to glo­ba­le non solo sono i koa­la: oggi i gior­na­li ripor­ta­no la deci­sio­ne in Austra­lia di abbat­te­re 10mila dro­me­da­ri. ricor­dia­mo che  i dro­me­da­ri ven­ne­ro intro­dot­ti in Austra­lia dagli ingle­si nell’800 per il tra­spor­to nel deser­to ma si sono suc­ces­si­va­men­te insel­va­ti­chi­ti e ripro­dot­ti. La deva­stan­te sic­ci­tà spin­ge que­sti pove­ri ani­ma­li ad avvi­ci­nar­si agli inse­dia­men­ti uma­ni nel­la dispe­ra­ta ricer­ca di acqua.

Continue Reading
You may also like...
Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

More in Cronaca

In Primo Piano

Attualità

Lifestyle

Spettacolo

Moda

Cultura

   
To Top