All for Joomla All for Webmasters
Connect with us

Intervista a Tony Greco, regista de “Il Fantasma della Mala”

Cinema

Intervista a Tony Greco, regista de “Il Fantasma della Mala”

Intervista a Tony Greco, regista de “Il Fantasma della Mala”

ll Fan­ta­sma del­la Mala ope­ra secon­da di Tony Gre­co al cine­ma dal 2 mag­gio 2019

Tony, per­ché il pub­bli­co dovreb­be anda­re al cine­ma a vede­re  Il Fan­ta­sma del­la Mala
Eh, i moti­vi sono tan­tis­si­mi, ma ne cito solo alcu­ni. Sicu­ra­men­te per­ché dob­bia­mo incen­ti­va­re le pro­du­zio­ni nascen­ti e strap­pa­re quel mono­po­lio ai gran­di nomi, nomi che non nego fac­cia­no tan­to nel mon­do del cine­ma, ma pur­trop­po dan­neg­gia­no anche chi, for­se più bra­vo di loro, non può otte­ne­re gli stes­si risul­ta­ti a cau­sa del­le dif­fe­ren­ze eco­no­mi­che, ma sta­vol­ta gli dare­mo un po’di filo da tor­ce­re per­ché abbia­mo un pro­dot­to dav­ve­ro accat­ti­van­te. Ci ten­go a pre­ci­sa­re che la nostra pro­du­zio­ne per que­sto lun­go­me­trag­gio è com­po­sta da appe­na quat­tro per­so­ne, il sot­to­scrit­to che si occu­pa di regia e mon­tag­gio audio­vi­si­vo, oltre che coor­di­na­re i movi­men­ti del­la came­ra mobi­le sul set, Cosi­mo Scial­pi, came­ra fis­sa e pilo­ta Enac came­ra dro­ne, Vicen­te Tri­ca­ri­co che, pri­ma che lo rag­giun­ges­si oltreo­cea­no, ha coor­di­na­to tut­ti i movi­men­ti e i con­tat­ti per le sce­ne in Colom­bia e Ales­san­dro Alfa­ra­no che cura gli effet­ti spe­cia­li e insie­me a me è l’as­se por­tan­te di tut­to il pesan­tis­si­mo lavo­ro di post pro­du­zio­ne, vi assi­cu­ro che due per­so­ne in post pro­du­zio­ne han­no ese­gui­to il lavo­ro di deci­ne e deci­ne di figu­re e non so anco­ra come mai (Sar­ca­sti­co) sia­mo rima­sti sani di men­te, cre­do sia anche gra­zie alla new entry, Lucia Buc­ca­rel­la che ha rico­per­to la figu­ra di Sound Desi­gner, ha pra­ti­ca­men­te inse­ri­to e sin­cro­niz­za­to con le imma­gi­ni cir­ca 4000 suo­ni (Tipo Pas­si di per­so­ne e ogget­ti vari.) Per­so­nal­men­te ho cer­ca­to di dare il mas­si­mo e per esse­re una pro­du­zio­ne nascen­te, devo dire che sono dav­ve­ro sod­di­sfat­to del risul­ta­to otte­nu­to in post pro­du­zio­ne insie­me al col­le­ga Ales­san­dro Alfa­ra­no. Dob­bia­mo dimo­stra­re che la vera arte non può esse­re pilo­ta­ta solo da dena­ro, ma va sup­por­ta­ta a 360 gra­di, sia moral­men­te che mate­rial­men­te da pub­bli­co, ami­ci, spon­sor e isti­tu­zio­ni. Altro moti­vo per cui anda­re a veder­lo è la genui­ni­tà del­la sto­ria, un misto tra azio­ne, sen­ti­men­to e quel lato thril­ler che a parer mio è anda­to sem­pre a brac­cet­to con que­sti due gene­ri. È una sto­ria di pura inven­zio­ne, ma vi assi­cu­ro che accen­den­do gior­nal­men­te la tv, ai tg si sen­te di peg­gio. Que­sta è una pel­li­co­la da segui­re atten­ta­men­te, facil­men­te capi­bi­le, ma con un fina­le che nes­su­no potreb­be aspet­tar­si.

A livel­lo pro­fes­sio­na­le, qua­li sono i tuoi model­li di rife­ri­men­to?
Cre­do che ogni regi­sta, al di là del gra­do di impor­tan­za, abbia un model­lo tut­to suo nel san­gue ed è giu­sto che sia così, poi­ché non mi è mai pia­ciu­to pren­de­re esem­pi, mi sem­bre­reb­be come vive­re la scia di un altro regi­sta e, per­so­nal­men­te ne pre­ten­do una tut­ta mia e, nel bene o nel male, sicu­ra­men­te uni­ca, ma se inten­de­vi dire qua­le regi­sta mi ha col­pi­to mag­gior­men­te per come ese­gue il suo lavo­ro, potrei cita­re Quen­tin Taran­ti­no.
 Nel film sei anche atto­re oltre che regi­sta. Com’è sta­to il rap­por­to con gli atto­ri? 
Non cito nes­su­no per­ché dovrei sta­re fino a sta­se­ra, ma devo dire un rap­por­to pura­men­te fami­lia­re, per me que­sto mestie­re non è dif­fe­ren­te da tan­ti altri e non ho mai sop­por­ta­to i pie­di­stal­li, pen­sa che quan­do giram­mo “Vacan­ze a Gal­li­po­li”, me ne anda­vo con Alva­ro Vita­li al soli­to bar di sem­pre. Non mi pia­ce dar­mi un tono, non ser­vo­no atteg­gia­men­ti o paro­le che dimo­stri­no la pro­fes­sio­na­li­tà, ma ado­ro por­ta­re a ter­mi­ne i pro­get­ti, arri­va­re in sala e dimo­stra­re chi sono, come scri­vo le sce­neg­gia­tu­re e come diri­go. Solo da quel momen­to accet­to com­pli­men­ti e cri­ti­che: pri­ma d’al­lo­ra è tut­to fumo negli occhi.
 La tua fami­glia ti ha appog­gia­to quan­do hai scel­to que­sto per­cor­so?
E’ sta­ta dav­ve­ro dura met­te­re da par­te il lavo­ro pri­ma­rio e dedi­car­mi inte­ra­men­te al cine­ma e alla musi­ca, ma ho dav­ve­ro una fami­glia splen­di­da, che per poter­mi far pro­se­gui­re in que­sto per­cor­so ha dav­ve­ro sof­fer­to momen­ti dif­fi­ci­li, ma che abbia­mo sem­pre supe­ra­to insie­me
Un salu­to ai nostri let­to­ri
Vor­rei innan­zi­tut­to invi­ta­re i let­to­ri a segui­re la reda­zio­ne di Arian­na, que­sta don­na così polie­dri­ca e che sicu­ra­men­te tro­ve­rà sem­pre un moti­vo per sor­pren­der­vi e natu­ral­men­te vi invi­to ad anda­re al cine­ma e a pre­fe­ri­re le pro­du­zio­ni che si pro­pon­go­no sul mer­ca­to, se non voglia­mo tra tren­t’an­ni vive­re il cine­ma come una sem­pli­ce fab­bri­ca a cate­na di mom­tag­gio, un po’ come le ricet­te del­la non­na per­du­te, pas­sa­te­mi l’e­sem­pio. Pre­sen­te­re­mo il fan­ta­sma del­la Mala in ante­pri­ma per una set­ti­na­na a Gal­li­po­li a par­ti­re dal 2 mag­gio ore 20:30, men­tre dal 3 mag­gio andran­no in pro­ie­zio­ne i clas­si­ci 3 spet­ta­co­li gior­na­lie­ri: sarò lì ad acco­glier­vi e pre­sen­tar­vi i nostri atto­ri, che per l’oc­ca­sio­ne, dopo tan­to lavo­ro, cal­pe­ste­ran­no un tap­pe­to ros­so super meri­ta­to. Un for­te abbrac­cio e gra­zie anti­ci­pa­ta­men­te a chi sarà lì a veder­lo.
Continue Reading
You may also like...
Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

More in Cinema

In Primo Piano

Attualità

Lifestyle

Spettacolo

Moda

Cultura

To Top