All for Joomla All for Webmasters
Connect with us

ITALIAN CHALLENGE OPEN ENEOS MOTOR OIL: UN GRANDE SCALISE SECONDO DOPO PLAYOFF

ITALIAN CHALLENGE OPEN ENEOS MOTOR OIL: UN GRANDE SCALISE SECONDO DOPO PLAYOFF

L’azzurro, dopo una  spet­ta­co­la­re rimon­ta dal set­ti­mo posto, ha rag­giun­to nel fina­le Mat­thew Jor­dan, ma l’inglese ha poi pre­val­so alla pri­ma buca sup­ple­men­ta­re.

Loren­zo Sca­li­se è sta­to il gran­de pro­ta­go­ni­sta del­la gior­na­ta fina­le dell’Italian Chal­len­ge Open Eneos Motor Oil, otte­nen­do un otti­mo secon­do posto, ma rac­co­glien­do meno di quan­to aves­se meri­ta­to. Sul dif­fi­ci­le e impe­gna­ti­vo per­cor­so del Ter­re dei Con­so­li Golf Club (par 72), a Mon­te­ro­si (VT), nel tor­neo in calen­da­rio nel Chal­len­ge Tour e nell’Ita­lian Pro Tour Ban­ca Gene­ra­li Pri­va­te, Sca­li­se, 24enne di Vimer­ca­te, ha con­clu­so con 271 (67 71 68 65, ‑17) col­pi dopo una spet­ta­co­la­re rimon­ta sot­to­li­nea­ta da un 65 (-7), secon­do miglior sco­re di gior­na­ta, rag­giun­gen­do con due bir­die fina­li Mat­thew Jor­dan (271 — 69 67 69 66). La pari­tà ha gene­ra­to il playoff, gio­ca­to sul­la buca 16 (par 3,) dove ha pre­val­so con un par l’inglese, che ha appro­fit­ta­to del­la pal­la spe­di­ta in acqua dall’azzurro.

E’ rima­sto fuo­ri dal­lo spa­reg­gio per un col­po lo spa­gno­lo Car­los Pigem, ter­zo con 272 (-16), ed ha con­clu­so solo al quar­to posto con 273 (-15) il fran­ce­se Antoi­ne Roz­ner, lea­der del­la money list e in vet­ta dopo tre giri, che pun­ta­va al ter­zo tito­lo sta­gio­na­le per sali­re imme­dia­ta­men­te sull’European Tour. Stes­so pun­teg­gio per lo sviz­ze­ro Raphael De Sou­sa e per il gal­le­se Oli­ver Farr.

Ha rimon­ta­to Fran­ce­sco Lapor­ta, 23° con 280 (71 72 69 68, ‑8), teso a con­qui­sta­re uno dei pri­mi 15 posti nell’ordine di meri­to che a fine sta­gio­ne daran­no acces­so al cir­cui­to mag­gio­re, e buo­na pro­va del dilet­tan­te azzur­ro Andrea Roma­no, 45° con 285 (-3). Alti e bas­si per Edoar­do Raf­fae­le Lip­pa­rel­li, 54° con 287 (-1), e per Enri­co Di Nit­to, 61° con 290 (+2).

L’Ita­lian Chal­len­ge Open Eneos Motor Oil è sta­to il set­ti­mo appun­ta­men­to sta­gio­na­le dell’Italian Pro Tour Ban­ca Gene­ra­li Pri­va­te, il cir­cui­to di die­ci gare nazio­na­li e inter­na­zio­na­li del­la FIG pro­gram­ma­te in set­te regio­ni diver­se, dal­la Val­le d’Aosta alla Puglia, in un cam­mi­no ver­so la Ryder Cup 2022 che coin­vol­ge tut­ta la Nazio­ne.

Le inter­vi­ste - Mat­thew Jor­dan, 23 anni, nato nel­la Wir­ral Penin­su­la, un otti­mo cur­ri­cu­lum da dilet­tan­te e pas­sa­to di cate­go­ria lo scor­so set­tem­bre, ha otte­nu­to il pri­mo suc­ces­so nel Chal­len­ge Tour, che si è affret­ta­to a dedi­ca­re a se stes­so. Poi ha aggiun­to: “Il playoff non è mai bel­lo, non mi pia­ce vin­ce­re così, ma il golf è fat­to anche di que­sto. Ho espres­so un bel gio­co per tut­to il tor­neo, tra l’altro ho anche otte­nu­to una ‘hole in one’ e sono par­ti­co­lar­men­te con­ten­to per­ché ho ini­zia­to la sta­gio­ne sen­za ‘car­ta’ per il cir­cui­to e ora me la tro­vo in tasca”. Ha sigla­to l’ace pro­prio alla buca 16 (par 3, metri 137).dove si è svol­to lo spa­reg­gio. Ha con­clu­so la sua cor­sa vin­cen­te con un 66 (-6, sei bir­die) è sta­to gra­ti­fi­ca­to con un asse­gno di 48.000 uro su un mon­te­pre­mi di 300.000 euro.

Loren­zo Sca­li­se ha spie­ga­to: “Alla buca sup­ple­men­ta­re ho tira­to un col­po pie­no con il fer­ro 9, ma ho cal­co­la­to male il ven­to e la pal­la è ter­mi­na­ta in acqua. Spe­ra­vo in un esi­to diver­so, tut­ta­via sono mol­to sod­di­sfat­to del gio­co espres­so e di tut­ta la pre­sta­zio­ne nei quat­tro gior­ni, anche se quan­do una gara sfug­ge allo spa­reg­gio rima­ne sem­pre un bel po’ di ama­ro in boc­ca”.

Gli spon­sor – L’Italian Pro Tour ha il sup­por­to di Ban­ca Gene­ra­li Pri­va­te (Title Spon­sor); BMW (Main Spon­sor); Kap­pa (Offi­cial Sup­plier), Lea­se­plan (Offi­cial Sup­plier), Dai­lies Total 1 (Offi­cial Sup­plier). Title spon­sor Ita­lian Chal­len­ge Open: Eneos Motor Oil. Offi­cial Sup­plier Ita­lian Chal­len­ge Open: OV Ener­gy, LG Busi­ness, De Gre­go­ris. Offi­cial advi­sor: Infront.

Il per­cor­so - Il per­cor­so del Ter­re dei Con­so­li Golf Club ha impe­gna­to seve­ra­men­te i gio­ca­to­ri, ma tut­ti sono sta­ti con­cor­di nell’esprimere il loro apprez­za­men­to per le qua­li­tà tec­ni­che e per l’ottima pre­pa­ra­zio­ne. La stes­sa cosa era acca­du­ta quan­do ha avu­to il bat­te­si­mo inter­na­zio­na­le nel 2016. In quell’occasione fu il più lun­go trac­cia­to affron­ta­to nel­la sta­gio­ne del Chal­len­ge Tour (7.600 yards). Que­sta vol­ta è sta­ta inau­gu­ra­ta la nuo­va club hou­se, un model­lo di ele­gan­za e fun­zio­na­li­tà, vero valo­re aggiun­to in un cir­co­lo che va acqui­sen­do sem­pre più pre­sti­gio. Il trac­cia­to, dise­gna­to dal gran­de archi­tet­to Robert Trent Jones Jr si svi­lup­pa tra osta­co­li natu­ra­li, laghi, gran­di bun­ker posi­zio­na­ti stra­te­gi­ca­men­te obbli­gan­do il gol­fi­sta a gran­de atten­zio­ne e ad atten­te stra­te­gie.

Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

More in Eventi

In Primo Piano

Attualità

Lifestyle

Spettacolo

Moda

Cultura

   
To Top